Trucks & Tank Magazine n.49 – Mai/Juin 2015

TNT37.indb

Quello in oggetto è uno dei migliori numeri di “Trucks & Tank” che mi sia mai capitato di leggere. Gli articoli contenuti, grazie ad una natura meno tecnica di quella usuale per la rivista, si sono dimostrati di lettura estremamente interessanti e di ottima fattura. Si inizia con un lungo scritto dedicato alle guerre asimmetriche che stanno infiammando il medio oriente e che sembrano essere destinate a riscrivere le regole dei conflitti futuri. Partendo dalla Grande Guerra, viene tracciata la nascita e lo sviluppo di quelle unità che, giocando su mobilità e rapidità, furono destinate ad incursioni nelle retrovie in ambiente desertico. La validità ed efficacia di questo modus operandi fu confermato anche nei conflitti locali che, in Africa Settentrionale, si susseguirono dopo l’ultimo conflitto mondiale. Sulla base di questo excursus storico, vengono fornite al lettore le basi necessarie per comprendere alcune delle ragioni dei successi militari dell’Isis ed i motivi perché tali milizie sono tanto legate ai rapidi ed affidabili Pick Up Toyota.  Tutto ciò senza dimenticare le numerose altre ragioni che stanno favorendo i tagliagole islamici a cominciare dalle rivalità fra Sciiti e Sunniti nonché l’atavica inconsistenza del nuovo esercito irakeno che, nonostante i soldi ed i materiali americani, è piagato e reso inefficace da una generale e radicata corruzione a tutti i livelli di comando. Il risultato finale è un articolo di una dozzina di pagine dalla lettura intensa e capace di spiegare molte più cose di un qualunque servizio televisivo.

Segue un efficace dossier con i profili dei Tiger I su cui combatté Michael Wittmann nel corso della sua lunga carriera ed un molto ben scritto articolo che, in modo succinto ma assai valido, spiega le ragioni che portarono allo sviluppo di alcuni armamenti della Wehrmacht (spesso oggetto di pregiudizi ingiustificati) ma, soprattutto, sfata molte leggende ormai radicate oltre ogni ragionevolezza (come, ad esempio, che il “Panther II” avrebbe sostituito il suo predecessore nel 1946).

Si aggiunge un reportage sul “Panther” Ausf. F che è fra i migliori abbia mai letto. Chiaro, approfondito, molto ben dettagliato ed accompagnato da un corredo fotografico preciso, lo consiglio vivamente a tutti coloro che volessero avere un  quadro preciso e completo su questo carro ancora circondato da troppo mistero. Resta inteso che, traendo la sua principale fonte di informazione da Panzer Tracts, questi ultimi restano le pubblicazioni migliori da avere sull’argomento. Tutto dipende dal vostro interesse, dalla disponibilità dei volumi in questione e dalla disponibilità economica. Se quest’ultima dovesse essere limitata, l’acquisto di questo numero di “Trucks & Tank” è un ottimo modo per supplire alla mancanza dei due volumi di Panzer Tracts dedicati all’argomento.

La rivista si conclude con la prima parte di un articolo dedicato agli Half-Tracks americani (ottimo per capire le differenze fra M2, M2A1, M3, M3A1, M5, M5A1, M9 e M9A1) e con l’usuale comparativo, questa volta ad oggetto l’M103A1 americano ed il T-10M sovietico (ad entrambi sono stati dedicati recenti kit, perciò si tratta di pagine assai interessanti per capire di che carri stiamo parlando).

Annunci

Informazioni su Andrea

Fervente modellista da tanti anni, mi destreggio fra la passione per la storia militare e l'amore per i cavalli e la natura. Convinto sostenitore della mobilità alternativa a piedi ed in bicicletta, cerco sempre nuove mete che mi arricchiscano nel corpo e nello spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Edizioni Caraktère Sarl, Military History, Military History Magazines, Trucks & Tank Magazine e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...